21 ottobre 2006

Gelato caldo

Sono al computer, un po' di cose rimaste indietro. Qualche mail non letta, mi preparo al fine settimana. Un clacson suona dal cortile di casa, tre lunghi strombazzate di richiamo, a ricordarci che oggi è venerdì.
Da dietro le spalle sento trambusto, qualcosa che cade. Tre stanze più in là Matteo si mette a correre, fa gli scalini, accellera sul corridoio, quando passa davanti allo studio, quasi vola. mi lancia appena uno sguardo eccitato: "Corri che è arrivato il gelatooo..."
Si fionda fuori uscendo sul giardino, nel viottolo quasi si scontra con Giacomo, che esce anche lui di corsa, ma dalla casa di fronte. E' una gara a chi arriva prima al furgone del Fabri.
E già qui da noi il gelato ci arriva dentro casa. Fabrizio scende apre il retro, il fianco del furgone, e si mette in "consolle".
"Io vojo i'gelato caldo..!" Il primo e per Matti una coppetta di panna (gelato caldo) e poi via tutti i bimbi, anche quelli del vicinato. Poi qualche mezzo chilo o chilo per casa, due chiacchere veloci che il giro non è finito. Un saluto e alla prossima, ciao Fabri.


Gelato di crema all'aceto balsamico

Procuratevi dell'ottimo aceto balsamico tradizionale o un condimento da esso derivato. Evitate ASSOLUTAMENTE quelli che si trovano nei supermercati, nulla hanno a che vedere con il nome apposto in etichetta. Si tratta invece di aceto rosso tagliato con caramello. L'aceto Balsamico invece è mosto di uve cotto, sottoposto a fermantazione zuccherina ed acetica per un minimo di 12 anni, con un processo di invecchiamento che riduce del 85% il quantitativo iniziale. Parlo di condimento tradizionale perchè l'aceto balsamico è "abbastanza costosetto" qui potete trovare sia l'uno che l'altro.

Dopo l'aceto procuratevi del buon gelato di crema. Nella quantità per 4 persone di gelato, aggiungete un cucchiaio di aceto e ammalgamate , fino ad incorporare il tutto. Servite e gustate.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

E' un pò di tempo che accedo a questo blog e debbo sottolineare con molto piacere. Immagini quotidiane si fondo con ricordi di "quel bel tempo che fu" e chi scrive nonostante a volte lasci trapelare un velo di malinconia, riesce ancora a cogliere i veri piaceri di questa vita.
COMPLIMENTI.

loste ha detto...

Caro anonimo

Grazie per i complimenti. Sono contento che nonostante quel velo di malinconia, percezione assolutamente azzeccata, riesco ancora a trasmettere il senso che la vita sia anche un piacere. Alla prossima