12 aprile 2009

Se giogava a coceta



Pasqua; giorni de sole e de fiori,
d'ovi penti de tuti i culori,
de ramete d'ulivo e campane.
Le memorie sbiavite, luntane,
rismugina qui drento ala testa....
Te ricordi, ale Grazie, che festa?

Fra scachini in fiocheto e paieta
se giogava cu'j ovi a coceta
e la banda sonava sonava
e i crestiani beveva e magnava
e i amichi cantavane i cori
e parevene mazi de fiori,
a braceto, le bele d'Ancona
che, a vardàle: "Oh, jeso, Madona!"

I zizoni faceva el sordì,
i vechieti scialava col vì;
tra i cariòli de fave e sumente,
face alegre, beate, cuntente.
Pasque mosce, robete, sciapate
che, a penzàce, ce fai le risate,
dice ogi che i tempi è gambiati.

El progresso ce porta difati
ovi grandi, infiocati in vetrina;
miga queli che fa la galina!?
Ovi dolci ch'ène opere d'arte;
l'ovo fresco ogi è meso da parte
ch'è cresciute un bel po' le pretese
e se guarda de più le surprese
e se cerca qualcosa de novo.

La speranza sta tuta in qul'ovo
che de drento nun zai cusa c'è.
Finché speri e t'iludi va bè
ma per belo e prezioso che trovi
quando sbreghi la scorza a qùj ovi,
el suriso te dura un mumento
pò se smorcia e aritorni scuntento
perchè, vedi, ce manca qualcosa
culorito de bianco e de rosa,
quel che c'era in t'i tempi passati,
sciapi sci, ma tranquili, beati,
che... la Pace, me pare ch'j diga,
una roba che usava al'antìga,
quando alegrì in fiocheto e paieta
se giogava cu'j ovi a coceta.


Ceriago 1950 - da: "Sfrigi"

6 commenti:

Virò ha detto...

Il dialetto è per me la lingua della memoria, delle chiacchierate in ticinese tra mia madre ed il parentame svizzero...sono suoni caldi che aggiugono valore ai gesti quotidiani...Ma c'è qualcuno oggi che lo parla ancora?...
Intanto sto collezionando meravigliose versioni del Piccolo Principe (la favola di Saint Exupery) in napoletano, in milanese, in piemontese, in sardo...Ti assicuro che sono autentici gioielli!

marzia ha detto...

il dialetto (per fortuna) si parla ancora!!
buona pasqua in ritardo

Iaia ha detto...

Carina e "lontana" la poesia, spiacente di non comprenderne tutte le parole (prov.di Varese). Buona Pasqua in ritardissimo.

lacquadorosa ha detto...

E' un piacere riscoprire, attraverso la tua, le nostra memoria. Da marchigiana condivido saperi e sapori. Grazie

lacquadorosa ha detto...

E' un piacere riscoprire, attraverso la tua, le nostra memoria. Da marchigiana condivido saperi e sapori. Grazie

Gatadaplar ha detto...

Bellissima poesia... e che bello, dopo tanti anni che abito qui, riuscire a capirne il 99% dei termini... il resto vado a senso ma l'ho capita!!! ^___^
Un bacione