27 aprile 2009

Arriverà l'estate

Arriverà l’estate.
Ci vorrà del tempo, ma arriverà. E allora tornerò a sedermi su questo prato a guardare il mio cielo. Silenzioso di pensieri nel fresco del mattino, mi lascerò portare lontano oltre quel monte, un poco più in là. Aspetterò che il sole si alzi più in alto oltre il ciliegio, e solo allora mi deciderò a muovermi.
Comincerò a cucinare, solitario, solo la musica a tenermi compagnia. Poi pian piano mentre la banda scenderà, alternerò soffritti a caffè, fondi a tazze di latte.
Mi lascerò aiutare dal gigante di casa, mentre il nano si appollaierà sulla penisola come sempre, a guardarci lavorare. Le chiacchiere correranno sul filo dell'ironia del sarcasmo, della presa in giro fin quasi al limite di un broncio d'offesa. Basterà una spallata, un coppino improvviso, a riportare il sorriso e l'allegria di una passione condivisa. Aspetteremo gli amici, torneranno anche loro a sedersi caciaroni e distratti ai tavoli sulla terrazza. Mangeranno di gusto, di piacere di fame. Berranno di sete e di voglia di quel leggero senso di sopore che solo il buon vino sa dare. L'aperitivo li terrà impegnati, lontani dalla cucina, sopirà la loro curiosità mentre veloci e stanchi impiatteremo:

La pasta della Colica




Il nome del piatto è frutto della fantasia di uno, o due, dei tanti amici. Venne preparato in occasione di un anniversario della nascita di questo blog, e giocoforza gli venne affibbiato il nome

Per la pasta: se non avete un torchio per divertirvi, usate una pasta all'uovo o di grano duro, comunque che sia un formato "corto"

Per il ragù di verdura: cuocete anticipatamente tutte le verdure disponibili in stagione: zucchine, melanzane e funghi, per le più coriacee come le carote, serve un colpo di vapore prima. Poi andranno slatate separatamente in padella antiaderente con poco olio per una decina di minuti ciascuna, curandosi si non perdere la croccantezza. Al forno andrà cotto un eventuale peperone, che pulirete dalla buccia "bruciacchiata", infilandolo prima per una decina di minuti in sacchetto di carta o da congelatore. Incorporerete questo alle altre verdure. Preparate dei pomodorini confit: sbollentate in acqua per un minuto una ventina (si riducono molto) di pomodorini piccadilly belli rossi, che avrete inciso nella parte superiore, spellateli, eliminate i semi e metteteli in una placca da forno, condite con sale, olio, timo o origano ed un cucchiaino di zucchero. Infornate a 90° per circa tre ore.

Per la crema di piselli: mettete i piselli (200gr per 4 persone), anche congelati, a cuocere in una scodella con una pari quantità di brodo di verdure. Quando il brodo si sarà ristretto passate i piselli al passaverdura, per eliminarne le bucce. Regolate la crema di sale, dopo averla insaporite con del parmigiano reggiano, dategli la densità desiderata aiutandovi con del latte.

Impiattate specchiando la crema di piselli, e saltando la pasta una volt lessate, insieme alle verdure, condite con un filo di olio evo buono



Però intanto continua a piovere

13 commenti:

Iaia ha detto...

Dopo tutta l'acqua che è venuta giù e quella che verrà nei prossimi giorni, diventa difficile immaginare di poter godere finalmente del tepore del sole e del tempo all'aria aperta, ma aspettiamo fiduciosi. Buona settimana.

Virò ha detto...

Colorata, profumata ed allegra... proprio come l'estate... E quali sono le altre tre ricette che abbineresti in modo così perfetto alle altre stagioni?

P.S....Però trattami bene l'inverno perchè io sono un po' controcorrente ed è la stagione che preferisco!

Anonimo ha detto...

..E una grattata di ricotta dura!!!

Anonimo ha detto...

tutti al mare tuttio al mare a mostrare le chiappe chiare!!! seti loste a parte la poetica finestra sulla bella stagione che hai fatto....ma sti amici che si riuniscono sulla terrazza in maniera sparsa...e per chi non ha la terrazza come sa da fare?
simpatici post...simpatico saluto
www.chefmarco.splinder.com

Fra ha detto...

che voglia di sole fa venire questo piatto, di grandi tavolate all'aria aperta...grazie per questa anteprima d'estate
Un abbraccio
fra

Caty2 ha detto...

e già ...continua a piovere, ciao

lenny ha detto...

Uno scorcio di primavera no?
I colori della tua pasta sono un vero inno alla primavera e la invocano a gran voce ...
Colpita dalla pasta al torchio, nel suo nascere appena!!!!
Ciao

Loste ha detto...

Mai abbandnare la speranza @Iaia

Adesso? tute de 'n boto qui ? per tutte le stagioni ? naaa @Virò :))) un po' alla volta dai

Assolutamente si @Anonimo... ad avercela però !!!

Per chi non ha terrazza non saprei dare consigli @Marco e comunque si ... si spargono per i tavoli :))

E non ha smesso ancora @Cathy2 ... ma c'è anche un 1 ?? :))

Fai tu @Lenny foto a disposizioni per sentirsi primaverili :))

marzia ha detto...

che bei colori!
qui la pioggia non è solo che stufi... è che crea proprio problemi, paura, disastri

Mariù ha detto...

"Estate,
Sei calda come il bacio che ho perduto
Sei piena di un amore che è passato
Che il cuore mio vorrebbe cancellare

Tornerà un altro inverno
Cadranno mille pètali di rose
La neve coprirà tutte le cose
E forse un po' di pace tornerà..."

Conosci 'Estate' di Bruno Martino?
Una delle piú belle canzoni mai scritte.
Ho letto il tuo post e mi é venuta in mente. Questa qua nel link é una versione di Vinicio Capossela.
Sorry se non c'entra niente con la cucina e con la tua pasta meravigliosa che mi fa impazzire (e tra l'altro mi fanno impazzire tutti i tuoi post con la pasta fatta al torchio, quella col ragú di cinghiale -era cinghiale?- ancora me la sogno di notte) ma questa canzone merita un ascolto.
Come al solito bellissime parole, bravo!
m.

http://www.youtube.com/watch?v=ceRtDGcgH1g

losmilzo ha detto...

per quest'estate non ho ancora grossi impegni e mi rendo disponibile per la terrazza.

ideale sottofondo della serata "livi in volvo" di sua maestà Vinicio Capossela,contenente il brano citato dalla Mariù.

ossequiosi saluti.

titona ha detto...

il grigio del torchio e il giallo della pasta sono la fotografia di questa giornata, lampi di sole e nuvoloni. quando si decideranno a terminare il gioco del c'ero prima io ...forse sarà tardi e noi saremo andati tuttti via. confermo: mi piace proprio come scrivi.

Anonimo ha detto...

Loste mi è venuta fame, ma più sonno. Buonanotte!